IL CRITICO DI MARTE | Diamantino 21/01/20

IL CRITICO DI MARTE | Diamantino 21/01/20

DIAMANTINO-IL CALCIATORE PIÙ FORTE DEL MONDO

Regia | Gabriel Abrantes e Daniel Schmidt (II).
Con | Carloto Cotta, Cleo Tavares, Anabela Moreira, Margarida Moreira, Carla Maciel.
Genere | Commedia
Portogallo, Francia, Brasile, 2018
Durata | 92 minuti.
Uscita | 15 agosto 2019

L’eroe del film di questa settimana si chiama Diamantino (Carloto Cotta): un famoso calciatore con il talento di un fuoriclasse. Il campo erboso è il suo universo e lui, con estrema semplicità, lo domina come un vero “dio”, tanto da essere soprannominato “il Michelangelo del calcio”. Nella vita il nostro attaccante non è proprio una cima, anzi… incarna il prototipo del calciatore medio a cui siamo abituati: di poco cervello, in balia degli eventi e poco collegato con la realtà. In lui la vanità regna sovrana. In un mondo in cui conta solo vincere (non importa come) fama e gloria cercano di colmare gli spazi vuoti nelle vite delle giovani promesse, lobotomizzando le loro menti. La lotta è spietata e ingiusta, perché in questo genere di competizione, purtroppo, chi arriva secondo inevitabilmente cade nel limbo, scomparendo per sempre dai riflettori.

A livello agonistico la vetta del successo è raggiunta e il protagonista è ormai un professionista di alto livello. Ma l’imprevisto è sempre dietro l’angolo: fama e ricchezza sono crudeli compagne di viaggio, pronte a voltare le spalle al primo inciampo. Purtroppo anche la luce di Diamantino, è destinata a perdere luminosità. Il giorno del declino arriva forse nel momento più importante della sua carriera: una partita decisiva disputata con la sua nazionale Portoghese ai Mondiali organizzati in Russia. La folla lusitana, sugli spalti, non ha dubbi: Diamantino darà prova del suo valore. Ma il beniamino, veterano di mille battaglie, capace di incantare con il suo gioco e di infuocare masse di tifosi, questa volta delude clamorosamente. I suoi “poteri” si eclissano e sbaglia a battere dal dischetto un rigore decisivo. È la caduta del “dio”. L’invincibile diventa mortale. Il sogno diventa incubo.

Con la carriera praticamente in frantumi e l’improvvisa morte del padre, l’ex-fenomeno si ritira nella sua immensa villa, ormai ridotta ad una sorta di mausoleo. Ma questo è solo l’inizio delle sue disavventure: suo malgrado l’eroe diventa vittima dei familiari e del sistema nazionale di estrema destra portoghese che ha intenzione addirittura di clonarlo per creare una nuova razza di atleti perfetti.

Ma il fato beffardo ha in serbo ancora tante sorprese per lui e per lo spettatore che saranno investiti da una serie di immagini oniriche, caricaturali e simboliche che spiazzano lasciando uno stato di intontimento e incredulità giustificato dal contesto narrativo e paragonabile ad una serie di micidiali finte e mosse che solo un genio del pallone può compiere magistralmente.

Vengono anche stravolti i canoni della novella classica: è il protagonista ad essere bisognoso di aiuto affinché qualcuno lo tragga in salvo dal vortice nefasto che il destino gli ha riservato.

Lungometraggio che mostra l’eccesso che vige nel mondo del calcio caratterizzato da un linguaggio eccessivo, esasperato, a volte tracotante. Ma nonostante la razionalità ci porti a criticarne gli eccessi è proprio questo mondo a rappresentare per molti l’ultima spiaggia, l’unico miraggio che può restituire per un breve momento  l’entusiasmo e le speranze smarrite.

Come dice Fabrizio Caramagna: “Gli uomini. Chiedi loro come era vestita la sposa e rispondono…Di bianco. Di un gol in uno stadio descrivono persino il fruscio dell’erba e il sibilo del pallone nell’aria”.

Recensione di Marco Valletta, “Il Critico di Marte”

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Ciao! Domande?
Clicca sull'icona qui sotto e scrivi a Oltheatre usando WhatsApp.
Prenota il tuo posto a Teatro o al Cinema!
Powered by

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi